PIANIFICAZIONE PAESAGGISTICA

              l'intento è quello di offrire ai comuni un servizio di programmazione paesaggistica preventiva relativa ai beni e alle aree di interesse paesaggistico ai sensi dell'art. 146 comma 1 del D. Lgs. 42/02 s.m.i. insistenti sul loro territorio.
Qualunque intervento di trasformazione sulle parti esterne di tali beni è, infatti, suottoposto al rilascio preventivo dell'Autorizzazione Paesaggistica da parte della Regione o, qualora sia stata attribuita da questa la subdelaga, dal Comune.
 
L'autorizzazione Paesaggistica ha la finalità di accertare la compatibilità delle opere con le norme in materia di paesaggio e segue un iter amministrativo articolato (comune/regione - sovrintendenza - regione/comune) con tempi di rilascio mediamente non inferiori a 120 giorni.
 
il servizio, così come ipotizzato, prevede la redazione di modelli tipologici delle facciate e delle finiture esterne con conseguente progettazione integrata per ambiti omogenei (blocchi, isolati, rioni) corredata dalla realizzazioen di schede tecniche per singolo stabile con conseguente inoltro, sempre per ambiti omogenei, della relativa richiesta di autorizzazione paesaggistica.
Le schede tecniche per singolo stabile, una volta completato l'iter amministrativo, sono di diretta applicazione annullando di fatto i tempi di attesa normalmente previsti prima dell'inizio delle opere.
 
Il servizio è rivolto  ai cittadini i quali potendo attingere a condizioni economiche convenzionate ad uno strumento operativo, abbattono i costi e annullano i tempi di attesa, e alle amministrazioni comunali che possono trarre benefici in termini di gestione coordinata del territorio.
 
La stipula della convenzione non impedisce ai cittadini di seguire autonomamente l'iter autorizzativo e non prevede alcun onere da parte del comune se non quello di figurare come committente delle richieste di autorizzazione paesaggistica nonchè di condividere le scelte tipologiche di base e gli eventuali interventi di coordinamento a livello di ambito.
 
Sono esclusi dalla convenzione gli interventi previsti dall'art.167 del D.Lgs. n. 42/04 s.m.i. (opere già eseguite).

Codice dei Beni Culturali

D.Lgs. 42/04

© created with Wix.com